Polpette in umido

Le Polpette in umido sono un secondo piatto della tradizione familiare, le chiamano anche polpette a spezzatino. C’è chi ci mette anche le patate, ma a casa mia piacciono così, solo col sughetto. Se ci si mangia insieme un po’ di pane, si possono preparare tranquillamente per cene come piatto unico. Ed ora devo spiegare il concetto di scarpetta: «raccogliere il sugo rimasto nel piatto passandovi un pezzetto di pane infilzato nella forchetta, o più comunemente tenuto tra le dita» (dizionario Treccani online). Qui a Roma, quando rimane un po’ di sughetto nel piatto, la scarpetta è d’obbligo.

Per la preparazione delle polpette seguo sempre la ricetta di mia madre: il pangrattato e il formaggio grattugiato devono essere, ciascuno, il 10% della carne trita. Poi ci vorrebbero anche aglio e prezzemolo tritati, ma a noi non piacciono, quindi io non li metto.

Stasera allora Polpette in umido e mi raccomando la scarpetta!

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr di polpa di manzo macinata,
  • 50 gr di pangrattato,
  • 50 gr di grana grattugiato,
  • un uovo,
  • passata di pomodoro (circa due tazze),
  • uno spicchio d’aglio,
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Procedimento:

Far soffriggere lo spicchio d’aglio nell’olio e.v.o. finchè non diventa un po’ dorato. Poi, togliere lo spicchio e aggiungere la passata di pomodoro, diluendo con una tazza d’acqua e salare a piacere. Portare la salsa a bollore.

Ammorbidire il pangrattato con qualche goccio d’acqua rimestando per bene con la forchette. Aggiungere il grana grattugiato e la carne trita e mescolare, in modo che i tre ingredienti si distribuiscano in modo omogeneo. Unire l’uovo, un pizzico di sale ed impastare. Formare delle polpettine tonde e friggerle leggermente in una padella con un filo d’olio. Non devono essere ben cotte, bisogna lasciarle sul fuoco quanto basta per fissarle un po’. Toglierle dalla padella e tuffarle direttamente nel sugo bollente.

Lascia cuocere ancora per una mezz’ora. Le Polpette in umido sono pronte. Sono da mangiare calde, accompagnate con qualche fetta di pane.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: